In evidenza

BIKE RIDE: LA SECONDA VOLTA I PARKINSONAUTI RADDOPPIANO

Lo scorso anno alla “Bike riding for Parkinson Italy 2020” eravamo 10 PARKINSONAUTI in bicicletta, quest’anno saremo 23. Tra un mese la partenza, Torino sabato 19 giugno il ritrovo e la cena di saluto alla città, domenica mattina ore 9 taglio del nastro e partenza ufficiale, sulla Ciclovia Vento direzione Venezia.

Produciamo benessere pedalando

Giorno per giorno, grazie alle esperienze condivise con un numero sempre più grande di persone, abbiamo iniziato a dare alla parola benessere un significato più ampio. Lo chiameremo Benessere condiviso. È fatto di energia, salute, vitalità, entusiasmo, intraprendenza, curiosità, generosità, il tutto in armonia con le persone e l’ambiente intorno a noi.

Tutto ciò che abbiamo vissuto insieme nel 2020 e in questa prima parte del 2021, nonostante la pandemia, ha generato il mio benessere, ma anche e sopratutto quello di altri. Tanti altri, che in questo tempo, anche grazie allo sport, hanno cambiato la percezione della loro realtà quotidiana, modificando il loro atteggiamento rispetto alla malattia e producendo il loro benessere.  

Lo scorso settembre eravamo in 10 Parkinsonauti + 1 a fare un viaggio in bicicletta, la “Bike riding for Parkinson Italy 2020” da Pavia a Roma sulla via Francigena. Un viaggio indimenticabile che ci ha portato fino dentro le mura del Vaticano, per essere ricevuti personalmente da Papa Francesco, dopo che il suo saluto a tutti gli ammalati di Parkinson del mondo era andato in mondovisione durante l’Angelus di quella radiosa domenica di settembre.

I ricordi e le testimonianze di quella fantastica avventura, che ha cambiato la vita di tutti quelli che vi hanno preso parte, sono raccolti nel docufilm “NON CI FERMERAI” che puoi trovare sul canale youtube di Parkinson&Sport

Dal 20 al 27 giugno per la “Bike riding for Parkinson Italy 2021” attraverseremo in bici l’Italia da est a ovest, sulla Ciclovia Vento, da Torino a Venezia, e a pedalare saremo 23.

Samantha Vizentin, Antonella Brunacci, Carmela Arancio, Grazia Pastori, Roberto Russo, Marco Ramelli, Daniele Bortoli, Carlo Negri, Alberto Acciaro, Simone Baldi, Stefano Rossi, Angelo Gualtieri, Edgardo Vietti, Roberto Sgobazzi, Stefano Ruaro, Alberto Rinaldi, Alfonso Merosini, Gianni Cantarelli, Carlo Calcagni, Dario Bravin, Stefano Ghidotti, Marco Anesa, Massimiliano Bracco.

Ci accompagneranno:

  • Un grande amico e Parkinsonauta ad honorem che pedalerà con noi, Massimo Guzzi, la nostra guida sul percorso e meccanico tuttofare al seguito.
  • L’insostituibile Flavio Bonini, responsabile del team mezzi di supporto, con il camper della sua Azienda Noleggio Camper Bollino Blu di Bedizzole BS.
  • Grazie alla generosa collaborazione di Serianna Perosini saremo scortati per tutto il percorso dagli Angeli in moto

Si sono già uniti al progetto, dandoci un generoso aiuto, tantissimi amici e importanti aziende da tutta Italia che ringraziamo.

Stiamo lavorando per ottenere il patrocinio di Associazioni, Regioni e Comuni, nella speranza che la modifica delle normative Covid nel prossimo mese ci permetta di organizzare incontri con le Associazioni che incontreremo sul territorio.

Amiamo lo sport e ogni anno, con i nostri viaggi in bicicletta, attraversiamo l’Italia per testimoniare quanto sia importante per generare benessere e rallentare i sintomi della malattia.

ll TEAM dei PARKINSONAUTI debutta nel Paratriathlon.

Ma la nostra attività si muove anche in altre direzioni, quest’anno a preso il via una collaborazione con la FITRI ( Federazione Italiana Triathlon) in cui sono coinvolto direttamente e di cui sono molto orgoglioso.

A dicembre dello scorso anno tutto è iniziato con questa dichiarazione di intenti.

Io sottoscritto Stefano Ghidotti, fondatore e Presidente dell’associazione Parkinson&sport, sono a manifestare la volontà di sottoscrivere, con la FITRI, Federazione Italiana Triathlon, una convenzione collaborativa con la finalità di promuovere l’attività sportiva del triathlon presso i malati di Parkinson.

Siamo disponibili a stabilire una convenzione per lavorare con il vostro Ente per l’attribuzione agli atleti con Parkinson, di una categoria che permetta loro di partecipare a manifestazioni nazionali ed internazionali di Paratriathlon, con l’obiettivo futuro di ottenere l’accesso a tutti gli sport paralimpici, con la possibilità di qualificarsi per le Paralimpiadi).

Dopo l’elezione del nuovo consiglio avvenuta a Roma il 15 marzo scorso, a cui ho preso parte, che ha visto l’amico Riccardo Giubilei assumere la carica di presidente, sono stato inserito nella commissione medica che si occupa anche dell’attribuzione delle categorie per l’iscrizione alle gare di Paratriathlon.

Sono molto felice di questo importante sviluppo. Quando ho iniziato nel 2018 ero l’unico triathleta con il Parkinson che lo dichiarava pubblicamente. Quest’anno altri 5 Parkinsonauti hanno scelto di diventare triathleti e grazie a questa collaborazione, ci potremo iscrivere nella categoria PTS5 nelle gare di Paratriathlon in Italia.

Sabato 22 maggio il debutto a Ostia lido, io, Marco Ramelli e Roberto Ripani saremo schierati alla partenza della gara di Paratriathlon Sprint ( 750 m. swim – 20 km. bike – 5 km. run)

Questo sarà il nostro body da gara di quest’anno, per noi è allo stesso tempo il costume da supereroe e la corazza da PARKINSONAUTA.

Ogni volta che lo indossiamo ci ricordiamo che stiamo dicendo a gran voce “NON CI FERMERAI”